OSSERVATORIO MADE IN

Sabato, 23 Marzo, 2019

PIANO NAZIONALE ANTICONTRAFFAZIONE: TUTELA DEL MADE IN ITALY

Notizia del 23/11/2012

Il tema della protezione delle produzioni italiane di qualità è strettamente correlato a quello
della lotta alla contraffazione, tanto che si potrebbe dire che la più autentica ed efficace difesa
dei prodotti “Made in Italy” è proprio costituita dall’innalzamento del livello di protezione contro
la contraffazione di marchi, brevetti, design, diritto d’autore e denominazioni d’origine protette.  
 
Anche per gli interventi più propriamente diretti a contrastare l’inganno del pubblico derivante
dall’impiego improprio di indicazioni che rivendicano un’origine italiana a prodotti che non
hanno i requisiti per vantarla – che al pari della  contraffazione penalizzano gravemente
l’industria manifatturiera del nostro Paese che già soffre per la concorrenza spesso sleale di
prodotti provenienti da Paesi emergenti e in particolare per le varie forme di parassitismo che
ad essa si accompagnano – è assolutamente indispensabile un'attività rigorosa di
coordinamento, impulso e revisione.
 
Negli ultimi anni, infatti, si è assistito a un proliferare di iniziative in materia, spesso nate sotto
la pressione di esigenze contingenti e prive di un  disegno unitario, che si sono purtroppo
caratterizzate per una disorganicità almeno pari alle buone intenzioni che stavano alla base di
esse, tanto più in quanto non si è tenuto sufficientemente in conto il fatto che la materia è già
in parte disciplinata da una fonte sovraordinata al nostro diritto nazionale, e segnatamente dal
Codice Doganale Comunitario, che prevede che i prodotti che hanno subito lavorazioni in Paesi
diversi debbano ritenersi originari dell’ultimo Paese in cui hanno subito una trasformazione
sostanziale: il che comporta tra l’altro per la nostra autorità giudiziaria la necessità di
disapplicare eventuali disposizioni in contrasto, stante il noto principio della prevalenza delle
norme comunitarie su quelle interne difformi, anche successive.  
 
Ciò non ha giovato alla chiarezza della disciplina e alla certezza del diritto, necessarie in tutti i
campi ma specialmente in relazione a norme sanzionatici penali o che comunque prevedono
l’applicazione di sanzioni amministrative di tipo affittivo: e paradossalmente ha “reso la vita più
difficile” proprio alle imprese italiane oneste, alle quali ha imposto oneri e spesso impossibile di
difficile attuazione, lasciando al contempo larghe maglie attraverso le quali ha avuto buon
gioco ad infilarsi chi vive invece ai margini e oltre i margini della legalità.
 
La tutela delle imprese e dei consumatori contro l’uso di indicazioni idonee ad ingannare il
pubblico in relazione a caratteristiche rilevanti dei prodotti o dei servizi per i quali esse
vengono usate, e il correlativo approfittamento parassitario della meritata fama di qualità di cui
beneficia in molti settori la nostra industria manifatturiera, richiedono invece una disciplina il
più possibile semplice e chiara, fondata su prescrizioni generali valide per tutte le fattispecie,
conformemente ai principî stabiliti dal legislatore comunitario e nel rigoroso rispetto del
principio costituzionale di eguaglianza; specialmente in materia di origine dei prodotti le
disposizioni adottate dal legislatore interno devono quindi rispettare il divieto d’introdurre
misure di effetto equivalente a restrizioni quantitative, vietate dall’art. 28 (30) Trattato C.E. e
seguire rigorosamente il sistema di comunicazione anticipata obbligatoria alla Commissione
Europea previsto per le normative di natura tecnica previsto dal la Direttiva n. 98/34/CE, e ciò
anche per prevenire il rischio di nuove procedure d’infrazione contro il nostro Paese.  
 
La censura espressa ad opera della Commissione Europea subita proprio per questo dal più
recente di questi interventi (la legge n. 55/2010,  di cui il Governo ha perciò sospeso
l’applicazione alla vigilia della sua entrata in vigore, con una Direttiva rivolta alle Pubbliche
Amministrazioni competenti) ha infatti certamente contribuito ad indebolire la nostra posizione
in sede comunitaria, e non è verosimilmente estranea neppure al recentissimo stralcio della
proposta di un Regolamento comunitario sull’etichettatura d’origine obbligatoria per certe
categorie di prodotti provenienti da Paesi esterni all’Unione Europea, proposta che presentava
peraltro anche di per sé varie criticità, soprattutto per la scelta di seguire un “criterio di
origine” diversificato per talune specifiche categorie merceologiche.
 È dunque necessario e indifferibile mettere al più  presto in cantiere la semplificazione e il
riallineamento al diritto comunitario della nostra normativa interna in materia, come premessa
indispensabile per riprendere con maggiori prospettive di successo la battaglia per ottenere il
varo di una norma europea di portata generale e di applicazione il più possibile agevole che
renda obbligatoria l’etichettatura di origine, in entrata e in uscita dal territorio doganale
comunitario, come dal resto già è previsto in altri Paesi come gli Stati Uniti.   
 
In pari tempo però occorre acquisire la consapevolezza del fatto che non è tanto sul mercato
nazionale, quanto su quelli stranieri che occorre difendere con maggior vigore il valore
aggiunto che la “qualità italiana” rappresenta per  i consumatori e che quindi in attesa di un
intervento auspicato del legislatore comunitario ci si deve valere degli strumenti giuridici già
oggi esistenti.
 
  In questo senso appare senz’altro da sostenere e incentivare l’istituzione di
marchi collettivi, conseguibili a livello nazionale, comunitario e internazionale,
idonei a far meglio percepire e valorizzare al pubblico la qualità dei nostri prodotti
e il valore aggiunto che essa rappresenta, anche attraverso adeguate campagne
di comunicazione.
Questo strumento, volontario e quindi agevolmente implementabile, pienamente compatibile
col diritto comunitario (che prevede già l’istituto) in quanto venga utilizzato in relazione ad una
qualità obiettiva garantita e controllata, agile e snello e perciò adattabile alle diverse esigenze
delle diverse categorie merceologiche, servirebbe infatti a rendere percepibile la differenza  tra
veri e falsi prodotti “Italian sounding” al pubblico, soprattutto straniero (ma anche italiano) che
già apprezza l’origine italiana delle merci, ma spesso non li sa distinguere; e in pari tempo
contribuirebbe anche a una nuova “Cultura del Made in Italy”, diffondendo la conoscenza delle
qualità obiettive della nostra produzione, spesso oggetto di un generico apprezzamento non
accompagnato però dalla conoscenza effettiva dei veri plus di questa produzione.
 
Ciò renderebbe più agevole anche la penetrazione dei nostri prodotti sui nuovi mercati che la
globalizzazione dell’economia e il miglioramento delle condizioni di vita anche in aree del
mondo che ancora pochi anni fa sembravano incapaci  di uscire da una condizione di
sottosviluppo sta aprendo, e sui quali solo la formazione di “consumatori consapevoli” potrà
consentire al nostro Paese di competere col successo che merita.
 
  Il Consiglio ritiene strategico anche in materia di tutela del Made in Italy e della
lotta alla contraffazione una sinergia con la Nuova Agenzia ICE, così come il
supporto attivo ad ogni iniziativa volta al riconoscimento del  made in Italy e
comunque delle indicazioni di provenienza nelle opportune sedi a livello europeo
e internazionale

 

FONTE: CNAC.GOV.IT

  Versione Stampa   Invia  
Made in Italy, confagricoltura: effetti gravi dall’embargo russo
Notizia del 05/03/2019

“Le conseguenze economiche dell’embargo della Russia sulle importazioni di prodotti agricoli e dell’industria alimentare sono molto pesanti per l’Italia. Dall’entrata in vigore del divieto di importazione di molti prodotti agricoli e dell’industria alimentare, il valore annuo delle esportazioni italiane (confronto 2018 su 2013) risulta ridotto di 153 milioni di euro (-22%), dopo aver raggiunto nel 2015 la punta di 324 milioni di euro”. Lo rileva il ...

 

Distretti made in Italy, Chanel punta sui leader
Notizia del 26/02/2019

Didier Bonnin Castellarin, alla guida della filiera calzature del gruppo francese, racconta la strategia di integrazione dei fornitori. Obiettivo: il patrimonio artigianale. Dare continuità a un savoir-faire che è da sempre al servizio della creatività. È questo l’obiettivo su cui Chanel investe dal 1985, anno in cui ha avviato acquisizioni che guardano al patrimonio artigianale di realtà d’eccellenza. In questo modo la maison dalla doppia C si ass...

 

Sardegna, pastori in piazza per prezzo del latte: blocchi stradali, assalto a caseificio e il Cagliari Calcio si unisce alla protesta
Notizia del 11/02/2019

Protesta degli allevatori per il prezzo del latte ovino e caprino: chiedono un euro al litro, viene pagato tra i 44 e i 55 centesimi. Un gruppo di allevatori si è presentato davanti ai cancelli del centro sportivo di Assemini: "Non andate a Milano". I calciatori scendono dal pullman e sversano il latte. Bloccate diverse strade statali, autocisterne in viaggio sotto scorta. Vetri rotti nel più grande caseificio della regione. Coldiretti: "Pagati un'elemosina"   Il Cagliari Calcio prima bloccato nel centro di Assemini e poi al fianco dei pastori: con i calciatori che scendono dal pullman e ...

 

SISTEMA PRODUTTIVO RILANCIO DEL MADE IN ITALY NEI CENTRI STORICI TRA OSPITALITA’, DISTRETTI PRODUTTIVI E OUTLET
Notizia del 09/01/2019

SISTEMA PRODUTTIVO RILANCIO DEL MADE IN ITALY NEI CENTRI STORICITRA OSPITALITA’, DISTRETTI PRODUTTIVI E OUTLET ...

 

Da Versace a Candy, le mani estere sul Made in Italy
Notizia del 03/01/2019

Moda, componenti per autoveicoli, elettrodomestici e treni. Il 2018 per i gruppi stranieri è stato un anno di shopping intenso in Italia e nel corso dell'anno è continuata la fuga di marchi del Made in Italy verso l'estero. Versace, Yoox Net-A-Porter e La Perla sono alcuni dei nomi del fashion finiti oltreconfine. Ma gli acquirenti stranieri non si sono fermati alla moda, conquistando società industriali come Italo, Magneti Marelli e Candy. Uno shopping che è testimonianza della qualità delle aziende italiane, dinamiche e innovative. Ma anche dell'assenza di ...

 

MADE IN ITALY DAY 2018 - Scegli prodotto Italiano, Acquistalo nei centri storici
Notizia del 13/12/2018

Un giorno per fermarsi a riflettere e ricordare il valore del Made in Italy.Un giorno per guardarsi intorno e riscoprire che il bello , il particolare, l'affascinante il funzionale Italiano è ancora tra noi nelle cose , negli atti e nelle sensazioni del vivere quotidiano.Un giorno per riscoprire tutto ciò e dargli la giusta considerazione.Alle Imprese, agli Enti, alle Organizzazioni ed alla Stampa chiediamo di condividere questa iniziativa, perché nel futuro la creatività e la capacita manifatturiere Italica conservi il giusto ruolo e possa permanere come nostro elemento di eccellenza con ...

 

TAVOLI PERMANENTI PMI ,MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO
Notizia del 13/12/2018

  Video:  TAVOLI PERMANENTI PMI MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO  Gentile Imprenditore,nei giorni scorsi il Ministero dello Sviluppo Economico ha invitatoquesta Organizzazione a partecipare al tavolo di consultazione delle Micro, Piccole e Medie Imprese al fine di poter manifestare e rappresentare difficoltà , aspettative e proposte del sistema produttivo.Abbiamo accolto con favore tale iniziativa.Il Ministro Luigi Di Maio ci ha comunicato che è prevista l'attivazione di 5 tavoli tecnici nell'ambito dei quali saranno discusse e approfondite questioni c...

 

L'etichetta made in Italy non interessa ai consumatori globali
Notizia del 12/12/2018

La parola “cibo” evoca l’Italia nella mente di tre persone su quattro in giro per il pianeta. Un bel vantaggio reputazionale per le nostre imprese della filiera agrifood, quando si decideranno a sfruttare appieno le loro potenzialità sui mercati internazionali (oggi esporta appena il 15% delle aziende e le vendite oltreconfine sono di 40 miliardi di euro a fronte di un italian sounding che vale oltre il doppio). Ma non è sull’etichetta “made in Italy” che possono fare affidamento, perché meno di un consumatore su tre guarda il marchietto...

 

La solitudine dell’impresa: aumentano le chiusure, ma nessuno se ne preoccupa
Notizia del 06/12/2018

«Non conosco nessuno che stia investendo». Edoardo Nesi, scrittore pratese, ha creato la figura di Ivo Barrocciai che ritorna più volte nei suoi libri e gli serve per raccontare i fasti ma anche la solitudine del mestiere di imprenditore. «Quelli che conoscevo io, a fine serata restavano a guardare i loro macchinari con un senso di orgoglio, vedevano una costruzione che funzionava grazie ma anche senza di loro. Ecco questa figura si va perdendo. C’era la sensazione di contribuire a un sistema sociale e oggi non più». Secondo Nesi l’imprenditore...

 

Milano prima meta al mondo per lo shopping dei turisti
Notizia del 28/11/2018

Quando si parla di shopping, Milano è la destinazione per eccellenza dei turisti, davanti a Parigi, Londra e New York. Il capoluogo lombardo è anche la città dove si spende di più, se confrontata con le altre maggiori destinazioni italiane ad alto tasso di turisti: 118 euro la spesa per un soggiorno, contro i 113 euro di Firenze, i 108 euro di Roma e i 60 euro di Venezia. Lo rivela il rapporto Shopping Tourism Italian Monitor, curato dalla società di ricerche Risposte Turismo e presentato oggi a Firenze, in occasione della seconda edizione di «Shoppin...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

direzione@madeinitaly.org
Siti collegati
Info