OSSERVATORIO MADE IN

Mercoledì, 13 Dicembre, 2017

Abuso di dipendenza economica, nozione e ambito di applicazione

Notizia del 07/05/2013

Il divieto di abuso di dipendenza economica è sancito dalla legge n.192/1998, che disciplina la subfornitura nelle attività produttive.

Il divieto, elaborato in materia di subfornitura, colpisce tutte le condizioni ingiustificatamente gravose cui è sottoposta un’impresa (cliente o fornitrice) che si trova in uno stato di dipendenza economica rispetto ad una impresa committente, la quale ultima impone condizioni eccessivamente squilibrate a proprio vantaggio.

E’ bene chiarire che con il contratto di subfornitura si suole indicare il fenomeno della cooperazione tra imprese, ossia dell’affidamento ad imprese minori, da parte di imprese più grandi, della predisposizione di talune parti del prodotto finale o dello svolgimento di talune fasi del processo produttivo, con conseguente tendenziale dipendenza del subfornitore dalle direttive impartite dall’impresa committente[1].

A norma dell’art. 9 della suddetta legge infatti, “si considera dipendenza economica la situazione in cui un'impresa sia in grado di determinare, nei rapporti commerciali con un'altra impresa, un eccessivo squilibrio di diritti e di obblighi. La posizione di dipendenza è valutata tenendo conto anche della reale possibilità per la parte che abbia subito l'abuso di reperire sul mercato alternative soddisfacenti”. Sul piano sanzionatorio, poi, l’abuso della posizione economica dominante è punito con la nullità dei patti attraverso i quali esso è esercitato.

 

Dal punto di vista sistematico, la legge sui contratti di subfornitura è senz’altro inquadrabile nell’ambito di quella legislazione volta nella direzione della tutela delle posizioni deboli nel mercato, i cui più significativi esempi sono rappresentati dalla legge n. 827/1990, che rappresenta la trasfusione in ambito nazionale di principi già sanciti dal Trattato CE in materia di libera concorrenza nel mercato, e dalle norme contenute negli artt.1469 bis e seguenti, le quali ultime si inseriscono nell’ambito della complessa normativa speciale a tutela del consumatore. L’intento della regolamentazione coincide con la protezione di tutti quei soggetti di mercato, imprese o singoli consumatori, che versano in una situazione di “debolezza”, rectius scarso potere contrattuale, nei confronti di altri soggetti, che, al contrario, occupano quelle posizioni che la stessa legislazione definisce “dominanti”.

Autorevole dottrina non ha mancato di rilevare che la tendenza del legislatore nazionale è quella rivolta “verso una ‘giustizia del mercato’ in cui siano vietati gli abusi di posizioni di dominio contrattuale anche nei rapporti tra imprenditori”.

Passando ad analizzare nel dettaglio la normativa che sancisce il divieto di abuso di dipendenza economica, bisogna in primo luogo sottolineare che il legislatore non ha descritto in maniera specifica i fattori in presenza dei quali un’impresa può dirsi in posizione di dipendenza economica rispetto ad un’altra impresa; difatti nel primo comma dell’art. 9 della legge 192/1998, la dipendenza economica è definita semplicemente come “la situazione in cui un'impresa sia in grado di determinare, nei rapporti commerciali con un'altra impresa, un eccessivo squilibrio di diritti e di obblighi”. Se è vero, da un lato, che la norma fornisce una nozione ontologica della “dipendenza”, d’altro canto il legislatore omette di equipaggiare l’interprete con gli strumenti gnoseologici in grado di definirne i contorni.

 

La situazione di “dominio”, naturalmente, non è sanzionata di per sé, ma solo se si tramuti nell’eccessivo squilibrio di diritti ed obblighi. L’abuso, infatti coincide proprio con la manifestazione di tale eccessivo squilibrio, anche se, come detto, il legislatore non spiega in cosa esso debba consistere.

Invero, il secondo comma dell’art. 9 sembra chiarire la portata del primo comma, nella parte in cui precisa che “l'abuso può anche consistere nel rifiuto di vendere o nel rifiuto di comprare, nella imposizione di condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose o discriminatorie, nella interruzione arbitraria delle relazioni commerciali in atto”.

Ad avviso di chi scrive sono due le osservazioni suscitate dalla lettura del secondo comma: in primis sembra agevole poter ricondurre “l’imposizione di condizioni contrattuali ingiustificatamente gravose o discriminatorie” nell’alveo dell’ “eccessivo squilibrio di diritti ed obblighi” di cui al primo comma, con l’ovvia conseguente considerazione che la formula di cui al secondo comma si riferirebbe soltanto ad una delle possibili esplicazioni del suddetto squilibrio.

In secondo luogo all’elencazione di cui al secondo comma, che ricomprende nelle manifestazioni dell’abuso anche il rifiuto di vendere o il rifiuto di comprare e la interruzione arbitraria delle relazioni commerciali in atto, sembra attribuibile un valore esemplificativo e non tassativo, dal momento che molteplici e insuscettibili di esaustiva individuazione sono le modalità mediante le quali si può mettere in atto l’abuso della posizione di forza economico-contrattuale.

Si è recentemente sostenuto che tre sono gli ordini di principi che presiedono all’applicazione del divieto di abuso di dipendenza economica: in primis, le norme che impongono il divieto di abusare della posizione di forza economico-contrattuale rappresentano delle eccezioni restrittive del principio della libertà contrattuale e di quello di uguaglianza e di libertà di iniziativa economica, pertanto l'interpretazione di dette norme sarà in suscettibile di interpretazione estensiva.

Quanto al secondo principio si è sottolineata la differenza, quanto all’onere probatorio, tra responsabilità contrattuale ed extracontrattuale della impresa committente: in caso di violazioni ex contractu sarà l'impresa dominante a dover provare di non essere responsabile, mentre in caso di illeciti aquiliani, l’onere della prova della attuazione dell’abuso graverà sull’impresa “dipendente”.

E’ stata poi elaborata una terza regola in ordine alla verifica della sussistenza dell’eccessivo squilibrio economico tra le parti: si è posto l’accento sul fatto che l'eccessivo squilibrio di diritti ed obblighi deve essere inteso come una forte divaricazione economica fra le prestazioni delle due parti e la posizione di chi lamenta di aver subito l’abuso dovrà essere vagliata alla stregua di un criterio di valutazione complessivo che dovrà tener conto di tutte le clausole contrattuali. Non può infatti sottovalutarsi che, essendo le parti sempre imprenditori, “quando viene comunque conservato un margine di profitto o di accrescimento economico (sia pure minimo), difficilmente si potrà configurare un eccessivo squilibrio di rapporto”.

 

Per completezza espositiva si precisa cha legge n. 57/2001, modificativa della legge n. 192/1998, ha aggiunto al terzo comma dell’art. 9 un’ulteriore disposizione (comma 3 bis) nella quale si stabilisce che qualora l'Autorità garante della concorrenza e del mercato ravvisi un abuso di dipendenza economica che abbia rilevanza per la tutela della concorrenza e del mercato può procedere, nei confronti dell'impresa o delle imprese che abbiano commesso detto abuso, alla applicazione delle misure sanzionatorie previste dall'articolo 15 della legge 10 ottobre 1990, n. 287, consistenti in diffide e sanzioni amministrative pecuniarie.

 

Di recente è stata sollevata la questione sulla estendibilità del divieto di abuso di dipendenza economica ai c.d. contratti di franchising, atteso che, anche in tale figura contrattuale, può venire a crearsi uno squilibrio tra le due parti contraenti che potrebbe dar luogo ad ingiusti approfittamenti da parte dell’impresa dotata del maggior potere contrattuale.

Parte della dottrina ha infatti affermato che la normativa in materia di subfornitura costituirebbe disciplina “a vocazione allargata, siccome destinata a trovare applicazione anche al di fuori del ristretto ambito dei rapporti di subfornitura, estendendosi ad ogni tipo di relazione tra imprese”.

Si è a riguardo sottolineato che, pur considerando la mancanza, nella legge n. 129/2004 (c.d.legge franchising), di una disciplina in materia di abuso di dipendenza economica, nondimeno il divieto sia estendibile anche ai contratti in questione, dal momento che, anche nei rapporti tra franchisor e franchisee non è improbabile il  verificarsi di ipotesi in cui il franchisor ponga in essere situazioni squilibrate a suo favore.

Per sottolineare la subalternità del franchisee (distributore del prodotto) rispetto al franchisor (produttore), si utilizza, in campo economico, l’espressione “imprenditore satellite”, onde significare, con tale colorita qualifica, il fenomeno della dipendenza del settore della distribuzione rispetto a quello della produzione.

Le peculiarità attinenti al rapporto di franchising e, in particolare, al momento più problematico dello stesso, che sembra essere quello della sua esecuzione, sembrano imporre interpretazioni volte ad assicurare tutela all’affiliato (il soggetto distributore del prodotto) anche in sede di esecuzione del contratto.

Essendo il contratto di franchising  un accordo di cooperazione destinato a durare nel tempo, le possibili distorsioni dell’equilibrio contrattuale sono legate alle difficoltà di mantenere inalterato il bilanciamento delle condizioni inizialmente pattuite.

Solo per citare una delle possibili manifestazioni del sopravvenuto squilibrio, si consideri il caso, frequente nella pratica giuridico-commerciale, del franchisor, che, in sede di rinnovo del contratto imponga, in forza della sua posizione dominante, delle condizioni più onerose che il franchisee sia costretto ad accettare onde evitare di perdere la posizione consolidatasi sul mercato.

Proprio in considerazione di tali possibili anomalie, la dottrina più attenta, invocando il principio di unitarietà dell’ordinamento, ha sostenuto la tesi della generalità della tutela contro gli abusi di dipendenza economica, giungendo ad affermare che il divieto formulato in materia di subfornitura travalichi gli angusti confini del campo al quale è espressamente riferito e assurga a regola comportamentale generalizzata applicabile in tutti i casi in cui un’impresa più forte limita la libertà di un’impresa più debole.

dott. Filippo Di Camillo, specializzando per le professioni legali presso la Seconda Università degli studi di Napoli

Note:

[1] V. Torrente-Schleisinger, Manuale di diritto privato, Milano, 2004, pag. 565 ss.

[2] V. Bianca, Diritto civile, 3, Il contratto, 396 e ss., Milano 2000

[3] V. Venturini Degli Esposti, in “Illustrazione e commento alla disciplina della subfornitura nelle attività produttive”, in www.tecnotext.it

[4] V. Venturini Degli Esposti, op. cit.

[5] Berti – Grazzini, in “La disciplina della subfornitura nelle attività produttive Milano, 2003,

[6] V. Gazzoni, Manuale di diritto Privato, Napoli, 2003, pag. 1291

[fonte: diritto.it]

  Versione Stampa   Invia  
Made in Italy Day 2017 - Scegli Prodotto Italiano Acquistalo nei Centri Storici
Notizia del 14/12/2017

Made in Italy Day 2017 VOGLIO ANCHE IO SOSTENERE IL MADE IN ITALY SCEGLI PRODOTTO ITALIANO ACQUISTALO NEI CENTRI STORICI Clicca Quì ...

 

PRODOTTI TAROCCHI A TAIPEI - Jimmy Ghione è andato a curiosare negli scaffali taiwanesi.
Notizia del 05/12/2017

Il Made in Italy è da sempre un vanto per il nostro Paese oltre a essere un marchio riconoscibile in tutto il mondo. Eppure c’è chi usa il brand "Italia" su prodotti fabbricati altrove, soprattutto quelli alimentari. L’inviato di Striscia la NotiziaJimmy Ghione è andato in trasferta a Taipei, Taiwan, dove sugli scaffali dei supermercati è pieno di prodotti italiani tarocchi. Spaghetti, salse, mozzarelle tutte prodotte in Australia, Califor...

 

Pasta al pomodoro 100% made in italy
Notizia del 23/11/2017

Pasta al pomodoro 100% made in italy. È questo l’obiettivo dell’accordo di filiera firmato ieri nella sede di Confagricoltura a Roma tra l’Organizzazione di Produttori OP Mediterraneo, società cooperativa foggiana che conta 150 associati e aderisce a Confagricoltura, e il pastificio Granoro s.r.l. Un accordo innovativo che mira a diventare un modello di integrazione e sviluppo economico e sociale del territorio, replicabile anche in altri comparti e che vuole mettere in relazione diretta agricoltori e industriali, abituandoli a dialogare tra loro in modo t...

 

Milano, apre Garage Italy: la "dolce vita" della vecchia Agip. 2000 ospiti Lapo invitati al Boulevard Certosa
Notizia del 09/11/2017

«Dolce vita 4.0». Luci tricolori all’esterno. Ambienti blu navy e Led avveniristici. Atmosfera futurista per l’apertura di «Garage Italia», nuovo hub creativo in piazzale Accursio all’interno dell’iconica ex stazione Agip Supercortemaggiore, restaurata dallo studio dell’architetto Michele De Lucchi.Il padrone di casa, vestito in completo bianco, è Lapo Elkann, direttore del progetto. I suoi ospiti sono arrivati da tutto il mondo. Li ha accompagnati a scoprire un luogo che per lui rappresenta «stile, passione, inventiva e bellez...

 

Ho fatto questo vestito ma non mi hanno pagato". I bigliettini di protesta nei capi di Zara
Notizia del 07/11/2017

Istanbul, i dipendenti di un fornitore sono rimasti dalla mattina alla sera senza lavoro: hanno riempito i vestiti in vendita di volantini che stanno facendo il giro del mondo MILANO - "Ho fatto questo capo che stai per comprare, ma non sono stato pagato per questo". Con questa singolare e riuscita protesta, i lavoratori di una società fornitrice di Zara hanno generato grande attenzione intorno al loro caso: una storia che arriva da Istanbul e sta rapidamente conquistando la rete.Hanno lasciato i biglietti con quella frase nei negozi della catena d'abbigliamento spagnola spiegando che lavor...

 

Difendere il Made in Italy: nasce
Notizia del 06/11/2017

L'eccellenza pistoiese Giorgio Tesi Group, azienda leader del florovivaismo italiano ed europeo, è tra i fondatori di 'Filiera Italia', la nuova realtà associativa che mette insieme agricoltura e industria alimentare italiane, per sostenere e difendere il Made in Italy.Promossa da Coldiretti, Ferrero, Inalca/Cremonini e Consorzio Casalasco (Pomì e De Rica) 'Filiera Italia' ha tra i soci fondatori insieme a Giorgio Tesi Group altre grandi ed importanti aziende italiane: Bonifiche Ferraresi, Ocrim, Farchioni Olii, Cirio agricola, Donna fugata, Maccarese, Ol.MaTerre Moretti (...

 

Made in Italy. Il ristorante italiano, da quo vado
Notizia del 17/10/2017

IL CIBO NEI FILM. Come cucinano la pasta all'estero? Una scena esilarante dal film Quo Vado con Checco Zalone ...

 

E' tutto un magna magna Max Laudadio di Striscia la Notizia ci parla di prodotti 'Made in Italy'
Notizia del 10/10/2017

Max Laudadio, giornalista di Striscia la Notizia, nella nuova rubrica, "è tutto un magna magna" parla del Made in Doganale e dei magheggi operati da aziende europee per l'importazione e rietichettatura dei prodotti di origine extraUe, in particolar modo nel settore agroalimentare.Di Seguito il link:  ...

 

Dal recupero dei centri storici alla banda larga: approvata la legge per salvare i piccoli comuni
Notizia del 28/09/2017

È legge. Con 205 voti a favore e nessun contrario. Il provvedimento “Salva borghi” ha ottenuto finalmente il via libera a Palazzo Madama dopo l’ok già ottenuto a Montecitorio. Insomma, «un bella giornata per l’Italia» per dirla con le parole del deputato Dem, Ermete Realacci, primo firmatario della legge. Anche perché i piccoli comuni, definizione che ricomprende tutti quelli al di sotto dei cinquemila abitanti, sono 5.591 e rappresentano il 69,9% dei Comuni italiani. Occupano il 54% del territorio nazionale, e sono il luogo in cui vivon...

 

Un'auto elettrica tutta made in Bari La vettura sarà presentata in Fiera
Notizia del 18/09/2017

Prima l’esposizione del prototipo in Fiera del Levante (nell’ambito dell’81esima Campionaria, di scena dal 9 al 17 settembre prossimi), poi la produzione che sarà attivata entro fine anno nell’ex stabilimento della Om Carrelli Elevatori: la prima auto made in Bari è sempre più vicina. Tanto che «Tua Industries», società facente capo al fondo d’investimento statunitense Lcv Capital Management (società di gestione fondi che fa capo a De Visconti e Bonidy), ha già «sistemato le carte» per pre...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

direzione@madeinitaly.org
Siti collegati
Info