OSSERVATORIO MADE IN

Lunedì, 21 Gennaio, 2019

Export, la Russia trascina il made in Italy nel mondo

Notizia del 07/04/2014

Di quanto sia importante l’export per l’economia italiana si è parlato spesso negli ultimi anni, ma per pochi settori questa componente è vitale quanto per il legno-arredo. E sono state proprio le vendite dirette all’estero a tenere a galla il comparto nei momenti più critici e a costituire oggi le maggiori speranze di ripresa. Secondo l’analisi del centro studi Cosmit/FederlegnoArredo, nel 2013 si è registrato un fatturato alla produzione nell’ordine di 27,4 miliardi di euro, in calo del 3,2% rispetto al 2012. Ma il confronto sarebbe stato più penalizzante senza il contributo dell’export, risultato in crescita del 2,4% a quota 12,7 miliardi. Tanto che il suo peso è salito nel corso degli ultimi dodici mesi dal 43,9% al 46,4% del fatturato globale. Merito di un settore che ha saputo tenere il passo dell’innovazione, sviluppando negli anni un valore del made in Italy che ormai è riconosciuto a ogni angolo del Globo come sinonimo di qualità. Molto contano la tradizione e il gusto che da sempre caratterizzano la produzione italiana nel settore, ma — a fronte di una concorrenza crescente — il tricolore non avrebbe mantenuto una posizione di leadership senza investimenti in tecnologie di prodotto e di processo che hanno consentito di perfezionare la catena che va dalla produzione alla vendita. Il risultato è stato un interesse crescente per i nostri prodotti soprattutto da parte dei Paesi emergenti, che meno di altri hanno sofferto i morsi della crisi internazionale e dove più rapido è il tasso di sviluppo dei consumi grazie anche ai processi di urbanizzazione in atto. E’ il caso della Russia, che ha assunto un peso via via crescente soprattutto nelle destinazioni dei prodotti di arredo, grazie anche al supporto di specifiche azioni di promozione condotte da FederlegnoArredo. Sin dal 2010, la domanda di prodotti italiani da parte della Federazione ha cominciato ad assumere consistenza, di pari passo con una significativa ripresa dell’edilizia. Nel 2013 la Russia ha importato dall’Italia 874,2 milioni di euro di prodotti riconducibili al macrosistema arredamento, facendo registrare un progresso del 9,5% rispetto all’anno precedente. Proprio il successo degli ultimi anni spiega l’apprensione con cui il comparto segue le vicende che stanno riguardando l’Ucraina: un’eventuale escalation delle tensioni, con il seguito di forti sanzioni internazionali alla Russia, potrebbe avere effetti fortemente negative sulle nostre esportazioni verso l’area. Di fatto svolgendo un ruolo ancora più importante di quello giocato negli ultimi mesi dall’indebolimento del rublo, che ha reso più costose le merci italiane (e degli altri Paesi dell’Eurozona). Il potenziale della Federazione resta comunque in buona parte inespresso perché, dopo la rapida diffusione della classe media — che ha un debole per il made in Italy in tutte le sue forme — negli agglomerate urbani di Mosca e San Pietroburgo, ora tocca allo sviluppo anche nei centri di medie dimensioni sparsi lungo il territorio di quello che è il Paese più grande al mondo. Una forte spinta al progresso dell’export dei prodotti di arredamento arriva anche dagli Stati Uniti (+11,6% nel 2013 rispetto al 2012), che da diversi anni rappresenta una delle destinazioni privilegiate per le imprese italiane del legno-arredo. Queste ultime, nonostante abbiano nella maggior parte dei casi dimensioni contenute, riescono a competere grazie a qualità del prodotto e flessibilità dell’offerta, oltre che alla capacità di fare rete nell’aggredire i mercati più lontani, che non è una costante negli altri settori dell’economia italiana. In questo caso l’indebolimento del dollaro rispetto alla moneta unica del Vecchio Continente evidentemente ha avuto un impatto contenuto, sicuramente inferiore all’importanza assunta dalla ripresa dell’economia americana che ha permesso ai consumatori di tornare a spendere su prodotti di qualità. Lo scenario non è altrettanto florido sul fronte interno, tanto che il 2013 è stato caratterizzato da un calo importante sia sul fronte dei consumi interni apparenti (-6,5% a quota 19,2 miliardi di euro), sia dell’import (-3,2% a 4,5 miliardi). Questa situazione ha pesato in particolare modo sulle aziende strutturalmente più deboli, già provate dalle difficoltà degli anni precedenti, tanto che nell’ultimo anno le aziende attive nel settore sono calate del 3,2% a 67.222. Meno severo è stato il trend degli addetti, scesi dell’1,8% a 366.832 unità, grazie agli sforzi fatti dalle stesse realtà del settore per salvaguardare l’occupazione ed evitare di perdere competenze cruciali. L’auspicio, infatti, è che i primi venti di ripresa che stanno caratterizzando l’economia italiana possano spingere anche il comparto del legno-arredo, insieme alla conferma per l’anno in corso degli incentivi fiscali per la casa e per l’arredamento (il cosiddetto Bonus Mobili, che consente detrazioni al 50%) e di quelli per il risparmio energetico (Ecobonus).

Fonte: Repubblica.it

  Versione Stampa   Invia  
SISTEMA PRODUTTIVO RILANCIO DEL MADE IN ITALY NEI CENTRI STORICI TRA OSPITALITA’, DISTRETTI PRODUTTIVI E OUTLET
Notizia del 09/01/2019

SISTEMA PRODUTTIVO RILANCIO DEL MADE IN ITALY NEI CENTRI STORICITRA OSPITALITA’, DISTRETTI PRODUTTIVI E OUTLET ...

 

Da Versace a Candy, le mani estere sul Made in Italy
Notizia del 03/01/2019

Moda, componenti per autoveicoli, elettrodomestici e treni. Il 2018 per i gruppi stranieri è stato un anno di shopping intenso in Italia e nel corso dell'anno è continuata la fuga di marchi del Made in Italy verso l'estero. Versace, Yoox Net-A-Porter e La Perla sono alcuni dei nomi del fashion finiti oltreconfine. Ma gli acquirenti stranieri non si sono fermati alla moda, conquistando società industriali come Italo, Magneti Marelli e Candy. Uno shopping che è testimon...

 

MADE IN ITALY DAY 2018 - Scegli prodotto Italiano, Acquistalo nei centri storici
Notizia del 13/12/2018

Un giorno per fermarsi a riflettere e ricordare il valore del Made in Italy.Un giorno per guardarsi intorno e riscoprire che il bello , il particolare, l'affascinante il funzionale Italiano è ancora tra noi nelle cose , negli atti e nelle sensazioni del vivere quotidiano.Un giorno per riscoprire tutto ciò e dargli la giusta considerazione.Alle Imprese, agli Enti, alle Organizzazioni ed alla Stampa chiediamo di condividere questa iniziativa, perché nel futuro la creatività e la capacita manifatturiere Italica conservi il giusto ruolo e possa permanere come nostro elemento di eccellenza con ...

 

TAVOLI PERMANENTI PMI ,MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO
Notizia del 13/12/2018

  Video:  TAVOLI PERMANENTI PMI MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO  Gentile Imprenditore,nei giorni scorsi il Ministero dello Sviluppo Economico ha invitatoquesta Organizzazione a partecipare al tavolo di consultazione delle Micro, Piccole e Medie Imprese al fine di poter manifestare e rappresentare difficoltà , aspettative e proposte del sistema produttivo.Abbiamo accolto con favore tale iniziativa.Il Ministro Luigi Di Maio ci ha comunicato che è prevista l'attivazione di 5 tavoli tecnici nell'ambito dei quali saranno discusse e approfondite questioni c...

 

L'etichetta made in Italy non interessa ai consumatori globali
Notizia del 12/12/2018

La parola “cibo” evoca l’Italia nella mente di tre persone su quattro in giro per il pianeta. Un bel vantaggio reputazionale per le nostre imprese della filiera agrifood, quando si decideranno a sfruttare appieno le loro potenzialità sui mercati internazionali (oggi esporta appena il 15% delle aziende e le vendite oltreconfine sono di 40 miliardi di euro a fronte di un italian sounding che vale oltre il doppio). Ma non è sull’etichetta “made in Italy” che possono fare affidamento, perché meno di un consumatore su tre guarda il marchietto...

 

La solitudine dell’impresa: aumentano le chiusure, ma nessuno se ne preoccupa
Notizia del 06/12/2018

«Non conosco nessuno che stia investendo». Edoardo Nesi, scrittore pratese, ha creato la figura di Ivo Barrocciai che ritorna più volte nei suoi libri e gli serve per raccontare i fasti ma anche la solitudine del mestiere di imprenditore. «Quelli che conoscevo io, a fine serata restavano a guardare i loro macchinari con un senso di orgoglio, vedevano una costruzione che funzionava grazie ma anche senza di loro. Ecco questa figura si va perdendo. C’era la sensazione di contribuire a un sistema sociale e oggi non più». Secondo Nesi l’imprenditore...

 

Milano prima meta al mondo per lo shopping dei turisti
Notizia del 28/11/2018

Quando si parla di shopping, Milano è la destinazione per eccellenza dei turisti, davanti a Parigi, Londra e New York. Il capoluogo lombardo è anche la città dove si spende di più, se confrontata con le altre maggiori destinazioni italiane ad alto tasso di turisti: 118 euro la spesa per un soggiorno, contro i 113 euro di Firenze, i 108 euro di Roma e i 60 euro di Venezia. Lo rivela il rapporto Shopping Tourism Italian Monitor, curato dalla società di ricerche Risposte Turismo e presentato oggi a Firenze, in occasione della seconda edizione di «Shoppin...

 

Made in Italy, tutti lo vogliono
Notizia del 23/11/2018

Made in Italy, tutti lo vogliono La richiesta dell'agroalimentare del Bel Paese continua a crescere, ma quali sono le reali potenzialità del settore? I dati di Nomisma diffusi nel convegno promosso da Agronetwork, l'Associazione fondata da Confagricoltura, Nomisma e Luiss    C'è sempre più richiesta di made in Italy all'estero e lo testimoniano i numeri: nel 2017 il valore delle esportazioni agroalimentari ha superato i 40 miliardi di euro, con una crescita del 5,6% rispetto all'anno precedente e del 27% su base quinquennale. Anche il 2018, con un +2,3%, ...

 

Nazzareno Vita - Tutti Pazzi Per Il Made In Italy - Mi Manda Rai 3
Notizia del 22/11/2018

Puntata di Mi Manda Rai 3 del giorno 22/11/2018 Interviene il Dott. Nazzareno Vita- Direttore Istituto Tutela Produttori Italiani per parlare di Made in Italy, Imprese Italiane, Delocalizzazione, Marchio Nazionale Made in Italy e Italian Sounding. ...

 

Falso 'Made in Italy' nel bicchiere: Coldiretti contro le etichette ingannevoli
Notizia del 21/11/2018

Cade per i vini generici l’obbligo di indicare in etichetta il Paese d’origine delle uve. La minaccia arriva dalla modifica del Regolamento 607/2009 proposta dalla Commissione UE, in attesa di adozione da parte di Consiglio e Parlamento europeo. In Italia il vino gode da sempre di una normativa sull’etichettatura particolarmente restrittiva, ma a livello comunitario, sin dall’emanazione del suddetto Regolamento, esiste una deroga per gli spumanti generici - cioè non a denominazione DOC o IGT - che consente di indicare come Paese di origine non quello di produzion...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

direzione@madeinitaly.org
Siti collegati
Info