OSSERVATORIO MADE IN

Martedì, 25 Settembre, 2018

Riso, pasta, latte, pomodoro: cosa è obbligatorio scrivere sull’etichetta

Notizia del 05/07/2018

Novantasei consumatori su cento vorrebbero conoscere l’origine della materia prima di un prodotto alimentare, prima di acquistarlo. Per questo, l’anno scorso, i nostri ministeri dell’Agricoltura e dello Sviluppo Economico hanno finalmente deciso che a partire dal 2018, i produttori degli alimenti base più consumati sono obbligati a scrivere sull’etichetta se la materia prima è stata prodotta in Italia, oppure importata dal mercato interno europeo, o da quello extracomunitario. Oggi quindi i consumatori italiani, al supermercato, possono leggere da dove arriva il latte, dove è stato coltivato il grano con cui è stata fatta la pasta, dove è cresciuto il pomodoro delle salse. Siamo l’unico Paese europeo ad avere un obbligo di trasparenza così stringente, ma durerà poco.

I produttori si oppongono al decreto
Appena emanato il decreto, l’associazione italiana dei pastai (Aidepi) – a cui sono iscritti tra gli altri Barilla, Divella, Felicetti e Garofalo – ha subito fatto ricorso al Tar del Lazio: «Si vuole indurre il consumatore a preferire la pasta in base all’origine della materia prima impiegata, ma l’origine del grano non è sinonimo di qualità». Alla fine il Tribunale ha respinto il ricorso ritenendo «…prevalente l’interesse a tutelare l’informazione dei consumatori». Vale la pena di ricordare che la nostra industria della pasta vale 4,7 miliardi di euro, che la produzione italiana di grano è di 4,3 milioni di tonnellate e che ne importiamo da tutto il mondo altri 1,74 milioni di tonnellate. Un tema non banale, se i consumatori si mettono in testa che «italiano è meglio» ad esempio perché abbiamo regole severe sull’uso di pesticidi e diserbanti. Anche la «Food drink Europe», la lobby dell’agroalimentare che riunisce i marchi Danone e Nestlé, insieme alle sigle di Confindustria, aveva reclamato presso la Commissione europea: «I membri considerano con preoccupazione le tendenze a rinazionalizzare determinate norme e politiche nel settore». In altre parole: «Sull’argomento deve decidere la Commissione e non un singolo Paese».

Il nuovo regolamento europeo
Mentre l’industria agroalimentare italiana, nonostante i «mal di pancia», si sta adeguando con l’aggiornamento delle etichette, il 28 maggio a Bruxelles il Presidente Juncker firma il nuovo regolamento europeo che azzera il decreto nazionale. Dal 1 aprile 2020, sarà obbligatorio indicare da dove viene la materia prima solo quando «il paese d’origine è indicato attraverso, illustrazioni, simboli o termini che si riferiscono a luoghi o zone geografiche». In pratica vuol dire che, fra un paio d’anni, in Europa, gli unici vincolati a dichiarare la provenienza dell’ingrediente principale, saranno le aziende che mettono sulla confezione dei «tratti» che ne evocano l’origine. Per fare un esempio: quando sulla scatola di pasta c’è scritto «100% italiana», il produttore sarà obbligato a dichiarare se la semola è tutta italiana o una parte è importata dalla Romania o dal Canada. Se invece la confezione non lascia intendere un preciso legame con un territorio, basta scrivere: «Ue» oppure «non Ue» o «Ue e non Ue» o anche niente. In sostanza, un regolamento che mette in riga chi vuole spacciare per italiano un prodotto che italiano non lo è, o non del tutto, ma lascia a tutti gli altri maglie larghe. Il giorno delle votazioni al Berlaymont soltanto Germania e Lussemburgo si sono astenute dal voto, mentre l’Italia, che si era sempre dichiarata contraria, si è poi schierata a favore della nuova etichetta.


Cosa vogliono i consumatori?
L’agroalimentare è l’eccellenza italiana nel mondo. Soltanto l’industria della trasformazione del pomodoro vale 3 miliardi e rappresenta il 47% del mercato comunitario. Il riso, con una produzione di 1,50 milioni di tonnellate, conta il 50% di tutta la produzione Ue. La filiera del latte nostrana vale oltre 15 miliardi di euro. Gli italiani, che consumano a testa ogni anno 24 kg di pasta, 30 kg di salse e 53 litri di latte, fra i 28 Paesi membri sono i cittadini più coinvolti in questa vicenda.

Anche se una piccola fetta di mercato sceglierà la spesa guardando solo al prezzo, le indagini del ministero dell’Agricoltura dicono che il 96% dei consumatori ritiene importante un’etichetta dove sia scritto in modo chiaro e leggibile l’origine dell’alimento base su tutti i prodotti alimentari. Secondo le ricerche dell’Europarlamento l’84% dei cittadini europei ritiene necessario indicare l’origine del latte, mentre il 90% vuole un’etichettatura trasparente per gli alimenti trasformati.

Cosa faranno i produttori dal 2020?
Oggi le più grandi associazioni di categoria della Confindustria dicono che comunque non cambierà nulla. Il presidente di Aidepi Riccardo Felicetti, dichiara: «Continueremo a fornire le stesse informazioni di oggi; non abbiamo nessuna intenzione di tornare indietro». Anche il direttore di Anicav Giovanni De Angelis mette le mani avanti: «Stiamo immaginando di mantenere questa posizione, indipendentemente dal fatto che la regola Ue la renda facoltativa». La pensa uguale anche il direttore di Assolatte Massimo Forino: «Ci sarà scritto non più per legge, ma per scelta aziendale». Si associa Roberto Carriere di Airi: «Una volta che abbiamo scritto ‘riso Italia’ non vedo perché dovremmo toglierlo». Vedremo. Per ora chi sgarra rischia una multa fino a 9.500 euro e Coldiretti promette battaglia. Anche il Parlamento europeo, che già nel 2016 si era espresso a favore di etichette trasparenti sull’origine del prodotto, ha riaperto il tema in Commissione agricoltura, con l’eurodeputato Paolo De Castro: «Mi auguro che il nuovo governo sostenga lo scontro con gli altri Paesi e li convinca. Lo vogliono i consumatori». Già, i consumatori, queste galline dalle uova d’oro così facili da ingannare, hanno però il potere di orientare le politiche, ogni volta che scelgono cosa mettere nel carrello della spesa.

  Versione Stampa   Invia  
Aste al doppio ribasso, ecco come i discount strozzano l'agricoltura italiana
Notizia del 23/08/2018

L'associazione Terra! Onlus e la Flai-Cgil lanciano l'allarme sulla speculazione nel mondo agricolo, oltre 400 mila i lavoratori sfruttati Dopo la strage di Foggia il mondo dell'agricoltura italiana si ribella allo sfruttamento dei lavoratori e al sistema delle aste on line al doppio ribasso, speculazione per abbassare il costo dei prodotti agricoli. Un allarme che riguarda oltre 400 mila lavoratori, sfruttati dalle pratiche commerciali sleali che fanno il gioco delle grandi aziende di distribu...

 

Marchionne è in fin di vita
Notizia del 23/07/2018

L'1 giugno, a Balocco, alla presentazione del piano industriale di Fca, Sergio Marchionne era visibilmente affaticato e con addosso parecchi chili in più. «Il dottore ha smesso di fumare e gli deve essere venuto più appetito», scherzava uno del suo entouarage. Anche la cravatta, maldestramente annodata sotto la felpa scura a zip, dava l'idea che qualcosa non andava. Eppure per l'ad di Fca quello sarebbe dovuto essere un giorno di festa: la cravatta, infatti, stava a si...

 

La Sicilia si mobilita contro le Multinazionali e pianta il grano antico
Notizia del 11/07/2018

La Sicilia si mobilita contro le Multinazionali e pianta il grano antico La rivoluzione dei contadini siciliani: 3.000 ettari di grani antichi contro le multinazionali. Il ritorno della biodiversità in agricoltura, parte dalle spighe del frumento locale. Per migliorare l’ambiente, l’alimentazione e la salute. Pane e pasta fatti con questi grani hanno tutt’altro sapore ed un profumo che non vi permettono più di tornare alla pasta del supermercato fatta con grano OGM. Che è anche il motivo per cui la Celiachia ormai ce l’hanno in tanti e pure l&rsqu...

 

Forniture alla Pubblica Amministrazione
Notizia del 06/07/2018

Riferimento: Prodotti Made in Italy Oggetto: Forniture alla Pubblica Amministrazione Egregio Funzionario  con la presente intendiamo porre l'attenzione sulle forniture alla Pubblica Amministrazione. Le forniture alla Pubblica Amministrazione costituiscono un consistente volume di affari nell'ambito del quale i Produttori Italiani sono quasi completamente esclusi. Ciò, oltre che  a privare i Produttori Italiani Italiane di un  prospettiva di lavoro, fa in modo che la pubblica amministrazione favorisca le imprese estere. Con l'uso delle merci estere si svi...

 

Riso, pasta, latte, pomodoro: cosa è obbligatorio scrivere sull’etichetta
Notizia del 05/07/2018

Novantasei consumatori su cento vorrebbero conoscere l’origine della materia prima di un prodotto alimentare, prima di acquistarlo. Per questo, l’anno scorso, i nostri ministeri dell’Agricoltura e dello Sviluppo Economico hanno finalmente deciso che a partire dal 2018, i produttori degli alimenti base più consumati sono obbligati a scrivere sull’etichetta se la materia prima è stata prodotta in Italia, oppure importata dal mercato interno europeo, o da quello extracomunitario. Oggi quindi i consumatori italiani, al supermercato, possono leggere da dove arr...

 

Oltre la metà degli italiani fa la spesa sotto casa. Torna così di moda il supermercato di quartiere. Che si è innovato aprendosi all’online
Notizia del 29/06/2018

Oltre la metà degli italiani fa la spesa sotto casa. Torna così di moda il supermercato di quartiere con i suoi tradizionali punti di forza: accessibilità e cortesia del personale. Il negozio di vicinato si è anche innovato portando la spesa direttamente a casa e aprendosi all’online. E’ la fotografia scattata da Confcommercio nel volume “Il negozio alimentare” della collana “Le Bussole”. Oltre il 55% dei consumatori italiani compra nei supermercati di quartiere e l’indice di soddisfazione è massimo per i negozi ind...

 

Conferenza nazionale Made in Italy 2018
Notizia del 22/06/2018

Conferenza nazionale Made in Italy 2018Quale italia quale prospettiva Le prospettive dell'italia attraverso il rilanciodelle attivita' produttive e delle economie locali- Tutela Sistema Produttivo Italiano - Attivita' Produttive ed Economie Locali- Sostegno all’ EsportazioneUlteriori informazioni al sito https://madeinitaly.org/conferenza/28 giugno 2018 - h10:00 Interventi dei relatori - h11:00 DibattitoSala del Refettorio, Palazzo San Macuto Via del Seminario 76, RomaAccrediti > segreteria@madeinitaly.org Dott.ssa Elisa Mercuri   ...

 

Salvini in un negozio del Mercato Cittadino di Tolmezzo - Friuli
Notizia del 15/06/2018

Salvini passeggia al mercato cittadino di Tolmezzo dove si improvvisa commesso: "Qui Tolmezzo (Udine), piccolo supermercato con spettacolari prodotti locali! Altro che i megacentri commerciali, difendiamo e valorizziamo le nostre ricchezze di cultura, sapori e tradizioni!"...

 

La Transumanza > Progetto di Italia, Grecia e Austria per promuovere l’antica tradizione dei pastori
Notizia del 10/04/2018

Nella costiera amalfitana c’è una famiglia che ogni inverno ripete l’antico rito. Giovanni, Franchina e i loro figli vivono grazie al latte di un piccolo gregge di 200 pecore. Quando il clima si fa troppo rigido, giusto all’inizio dell’inverno, sono costretti a lasciare la zona di Agerola e portare gli animali fino ad Erchie. E d’estate fanno il viaggio al contrario. Tra Puglia e Molise, la famiglia Colantuono custodisce la tradizione della transumanza come se fosse una ricca eredità tramandata da generazioni. Dal 1800, per spostare i 300 bovini dall...

 

CHI STA UCCIDENDO IL MADE IN ITALY?
Notizia del 05/04/2018

Sempre più imprese e negozi chiudono, ma chi sta uccidendo il Made in Italy?Tra i maggiori responsabili il commercio on line dei prodotti contraffatti dalla Cina.Ce lo spiega Milena Gabanelli per il Corriere della Sera. ...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

direzione@madeinitaly.org
Siti collegati
Info